Spinto da intendere: l’alternativa ai filmato si nasconde negli audio erotici